lunedì 7 settembre 2015

Sanremo 1953 - Nilla Pizzi, Doppio Quintetto Vocale - Sussurrando buonanotte







Sanremo 1953  

Nilla Pizzi - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 1953 - Nilla Pizzi, Doppio Quintetto Vocale - Sussurrando buonanotte



Il testo

Torna la sera, tace ogni voce,
scende l’oscurità…
Il mondo già riposa
sotto il chiaror lunar…
Nel nostro nido fatto di sogni
resta vicino a me;
tutta la vita intera
sempre starò con te…

Sussurrando: Buonanotte…
ogni notte la tua bocca bacerò…
Sussurrando: Buonanotte,
ogni notte nei miei sogni ti vedrò…
Le mie labbra
sulle tue labbra
fino all’ultimo respiro poserò…
Sussurrando: Buonanotte,
ogni notte la tua bocca bacerò …

Dolci rintocchi di mezzanotte
battono come il cuor…
l’eco lontana si perde
verso le stelle d’or…
Sfioro il tuo viso con le mie mani
per un istante ancor.
Arrivederci all’alba,
arrivederci amor…

Sussurrando: Buonanotte…
ogni notte la tua bocca bacerò…
Sussurrando: Buonanotte,
ogni notte nei miei sogni ti vedrò
Le mie labbra
sulle tue labbra
fino all’ultimo respiro poserò…
Sussurrando: Buonanotte,
ogni notte la tua bocca bacerò…

Buonanotte sussurrando ti dirò…



Sanremo 1953 - Katina Ranieri - No Pierrot







Sanremo 1953  

Katina Ranieri - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 1953 - Katina Ranieri - No Pierrot



Il testo

Ad un ballo mascherato
ricco e profumato
di fior,
ebbri di champagne e fumo
scesero in giardino due cuor:
lei una dama;
lui un Pierrot…
C’eran tante stelle nel ciel.

Se un Pierrot sei tu,
non lasciarmi più.
Il tuo canto m’inebria, mi fa sognar,
la tua bocca, nel bacio, mi sa turbar…
Mai ti lascerò,
mai rimpiangerò
questa folle nottata di baci e d’amor…
Sei il Pierrot del cuor.

Il Pierrot tanto s’illuse
che alla dama disse così:
“Voglio farti mia regina per la vita. Dimmi di sì”
Lei una dama;
lui un Pierrot...

Sanremo 1953 - Giorgio Consolini - Vecchia villa comunale







Sanremo 1953  

Giorgio Consolini - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 1953 - Giorgio Consolini - Vecchia villa comunale



Il testo

Vecchia villa comunale,
sei rimasta tale e quale…
con i giochi dei bambini,
con i viali e coi giardini…
C’era là sempre un signore
che leggeva il suo giornale;
la mia palla lo colpì
di rimbalzo sugli occhiali
che si ruppero così…

Mi ricordo, mi ricordo,
ero bimbo e anch’io giocavo;
rosso in viso ritornavo dalla mamma ch’era là.
La sua mano mi porgeva,
sempre piena d’ansietà, mi baciava e mi diceva:
Sei la vita di mammà!
La panchina che, mi accoglie, si è col tempo logorata;
fra i ricami delle foglie c’è la mamma mia adorata…
Mi ricordo, mi ricordo,
che bei tempi erano quelli…
Ora ho tanto freddo al cuore,
tanta neve sui capelli!

Vecchia villa comunale,
vengo a leggere il giornale;
non badare se soltanto
sulle ciglia ho un po’ di pianto…
Or son io che son seduto,
un po’ triste e malandato,
ed un bimbo alto cosi
la sua palla m’ha lanciata
sugli occhiali, proprio qui!…

Mi ricordo, mi ricordo,
ero bimbo e anch’io giocavo;
rosso in viso ritornavo dalla mamma ch’era là.
La sua mano mi porgeva,
sempre piena d’ansietà, mi baciava e mi diceva:
Sei la vita di mammà!
La panchina che mi accoglie, si è col tempo logorata;
fra i ricami delle foglie c’è la mamma mia adorata…
Mi ricordo, mi ricordo,
che bei tempi erano quelli…
Ora ho tanto freddo al cuore,
tanta neve sui capelli!

Vecchia villa comunale,
sei rimasta tale e quale!…

Sanremo 1953 - Gino Latilla - Vecchio scarpone







Sanremo 1953  

Gino Latilla - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 1953 - Gino Latilla - Vecchio scarpone



Il testo

Lassù in un ripostiglio polveroso,

Tra mille cose che non servon più,

Ho visto un poco logoro e deluso

Un caro amico della gioventù.

Qualche filo d'erba

Col fango disseccato

Tra i chiodi ancor pareva conservar.

Era uno scarpone militar.

 
Vecchio scarpone

Quanto tempo è passato

Quante illusioni

Fai rivivere tu

Quante canzoni

Sul tuo passo ho cantato

Che non scordo più


Sopra le dune

Del deserto infinito

Lungo le sponde

Accarezzate dal mar

Per giorni e notti

Insieme a te ho camminato

Senza riposar

 
Lassù tra le bianche cime

Di nevi eterne immacolate al sol

Cogliemmo le stelle alpine

Per farne dono ad un lontano amor

 
Vecchio scarpone

Come un tempo lontano

In mezzo al fango

Con la pioggia o col sol

Forse sapresti

Se volesse il destino

Camminare ancor.

 
Vecchio scarpone

Quanto tempo è passato

Quante illusioni

Fai rivivere tu

Quante canzoni

Sul tuo passo ho cantato

Che non scordo più

 
Lassù tra le bianche cime

Di nevi eterne immacolate al sol

Cogliemmo le stelle alpine

Per farne dono ad un lontano amor

 
Vecchio scarpone

Come un tempo lontano

In mezzo al fango

Con la pioggia o col sol

Forse sapresti

Se volesse il destino

Camminare ancor.

 
Vecchio scarpone

Fai rivivere tu

La mia gioventù.

 accordi per chitarra 

Em F#m A

D                G9
Lassu' in un ripostiglio polveroso

D6                 G9
Tra mille cose che non servon piu'

A#               A#7
Ho visto un poco logoro e deluso


Un caro amico della gioventu'

Gm           Dm
Qualche filo d'erba

                  Gm
Col fango disseccato

                     Am
Tra i chiodi ancor pareva conservar

A           E7
Era uno scarpone militar

A
Vecchio scarpone

                   D
Quanto tempo e' passato

           G6
Quante illusioni


Fai rivivere tu

Em        Em7
Quante canzoni

                      A7
Sul tuo passo ho cantato


Che non scordo piu'

D        A
Sopra le dune

                D9
Del deserto infinito

         G6
Lungo le sponde


Accarezzate dal mar

Em           Em7
Per giorni e notti

                       Em
Insieme a te ho camminato

      D
Senza riposar

G9            A7
Lassu' tra le bianche cime

   Em          F#m
Di nevi eterne immacolate al sol

Bm7          A
Cogliemmo le stelle alpine

Bm             A
Per farne dono ad un lontano amor

A6          D9
Vecchio scarpone


Come un tempo lontano

            G6
In mezzo al fango


Con la pioggia o col sol

Em      Em7
Forse sapresti

                   A7
Se volesse il destino

     D
Camminare ancor

G9            Em
Vecchio scarpone


Fai rivivere tu

          F#m7  A D9 D
La mia gioventu'