martedì 5 maggio 2015

Sanremo 1994 - Giorgio Faletti - Signor tenente







Sanremo 1994  

Giorgio Faletti - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 1994 -  Giorgio Faletti - Signor tenente



Il testo

Forse possiamo cambiarla, ma è l’unica che c’è 
questa vita di stracci e sorrisi e di mezze parole 
forse cent’anni o duecento è un attimo che va 
fosse di un attimo appena … 
sarebbe con me tutti vestiti di vento ad inseguirci nel sole 
tutti aggrappati ad un filo e non sappiamo dove 
minchia signor tenente che siamo usciti dalla centrale 
ed in costante contatto radio 
abbiamo preso la provinciale 
ed al chilometro 41 presso la casa cantoniera 
nascosto bene la nostra auto c’à se vedesse che non c’era 
e abbiam montato l’autovelox e fatto multe senza pietà 
a chi passava sopra i 50 fossero pure i 50 di età 
e preso uno senza patente 
minchia signor tenente faceva un caldo che se bruciava 
la provinciale sembrava un forno 
c’era l’asfalto che tremolava e che sbiadivo tutto lo sfondo 
ed è così tutti sudati che abbiam saputo di quel fattaccio 
di quei ragazzi morti ammazzati 
gettati in aria come uno straccio, caduti a terra come persone 
che han fatto a pezzi con l’esplosivo 
che se non serve per cose buone 
può diventar così cattivo che dopo quasi non resta niente 
minchia signor tenente e siamo qui con queste divise 
che tante volte ci vanno strette 
specie da quando sono derise da un umorismo di barzellette 
e siamo stanchi di sopportare quel che succede in questo paese 
dove ci tocca farci ammazzare per poco più di un milione al mese 
e c’è una cosa qui nella gola, una che non ci va giù 
e farla scendere è una parola, se chi ci ammazza prende di più 
di quel che prende la brava gente 
minchia signor tenente lo so che parlo col comandante 
ma quanto tempo dovrà passare per star seduto su una volante 
la voce in radio ci fa tremare, che di coraggio ne abbiamo tanto 
ma qui diventa sempre più dura quanto ci tocca fare i conti 
con il coraggio della paura, e questo è quel che succede adesso 
che poi se c’e’ una chiamata urgente se prende su e ci si va lo stesso 
e scusi tanto se non è niente 
minchia signor tenente per cui se pensa che c’ho vent’anni 
credo che proprio non mi dà torto 
se riesce a mettersi nei miei panni magari non mi farà rapporto 
e glielo dico sinceramente 
minchia signor tenente.

 accordi per chitarra 

Gsus4
FORSE POSSIAMO CAMBIARLA

      F6
MA E' L'UNICA CHE C'E'

         F
QUESTA VITA DI STRACCI E SORRISI

                 C
E DI MEZZE PAROLE

   Gsus4
FOSSE CENT'ANNI O DUECENTO

   F6
E' UN'ATTIMO CHE VA

   F
FOSSE DI UN ATTIMO APPENA

              C
SAREBBE CON ME

   Gm
TUTTI VESTITI DI VENTO

                    F
AD INSEGUIRCI NEL SOLE

   A#
TUTTI AGGRAPPATI AD UN FILO

                       F
E NON SAPPIAMO       DOVE

          Dm
MINCHIA SIGNOR TENENTE 

CHE SIAMO USCITI DALLA CENTRALE

                     F
ED IN COSTANTE CONTATTO RADIO

ABBIAMO PRESO LA PROVINCIALE

             Dm
ED AL CHILOMETRO 41

PRESSO LA CASA CANTONIERA

                   F
NASCOSTO BENE LA NOSTRA AUTO

CA' SE VEDESSE CHE NON C'ERA

                     A#
E ABBIAM MONTATO L'AUTOVELOX

E FATTO MULTE SENZA PIETA'

              F
A CHI PASSAVA SOPRA I 50

FOSSERO PURE I 50 DI ETA'

     C
E PRESO UNO SENZA PATENTE

          Dm
MINCHIA SIGNOR TENENTE

FACEVA UN CALDO CHE SE' BRUCIAVA

                  F
LA PROVINCIALE SEMBRAVA UN FORNO

C'ERA L'ASFALTO CHE TREMOLAVA

                     Dm
E CHE SBIADIVA TUTTO LO SFONDO

ED E' COSI' TUTTI SUDATI

                  F
CHE ABBIAM SAPUTO DI QUEL FATTACCIO

DI QUEI RAGAZZI MORTI AMMAZZATI

                     A#
GETTATI IN ARIA COME UNO STRACCIO

CADUTI A TERRA COME PERSONE

                                 F
CHE HAN FATTO A PEZZI CON L'ESPLOSIVO

CHE SE NON SERVE PER COSE BUONE

                     C
PUO' DIVENTARE COSI' CATTIVO

CHE DOPO QUASI NON RESTA NIENTE

          Dm
MINCHIA SIGNOR TENENTE

E SIAMO QUI CON QUESTE DIVISE

                      F
CHE TANTE VOLTE CI VANNO STRETTE

SPECIE DA QUANDO SONO DERISE

                     Dm
DA UN UMORISMO DI BARZELLETTE

E SIAMO STANCHI DI SOPPORTARE

                       F
QUEL CHE SUCCEDE IN QUESTO PAESE

DOVE CI TOCCA FARCI AMMAZZARE

                            A#
PER POCO PIU' DI UN MILIONE AL MESE

E CIE' UNA COSA QUI NELLA GOLA

                       F
UNA CHE PROPRIO NON CI VA GIU'

E FARLA SCENDERE E' UNA PAROLA

                            C
SE CHI CI AMMAZZA PRENDE DI PIU'

DI QUEL CHE PRENDE LA BRAVA GENTE

          Dm
MINCHIA SIGNOR TENETE

LO SO CHE PARLO COL COMANDANTE

                       F
MA QUANTO TEMPO DOVRA' PASSARE

PER STAR SEDUTO SU UNA VOLANTE

                          Dm
LA VOCE IN RADIO CI FA TREMARE

CHE DI CORAGGIO NE ABBIAMO TANTO

                           F
MA QUI DIVENTA SEMPRE PIU' DURA

QUANDO CI TOCCA DI FARE I CONTI

                      A#
CON IL CORAGGIO DELLA PAURA

E QUESTO E' QUEL CHE SUCCEDE ADESSO

                                    F
CHE POI SE C'E' UNA CHIAMATA URGENTE

SE PRENDE SU E CI SI VA LO STESSO

           C
E SCUSI TANTO SE NON E' NIENTE

          Dm
MINCHIA SIGNOR TENENTE

PER CUI SE PENSA CHE C'HO VENT'ANNI

                         F
CREDO CHE PROPRIO NON MI DA TORTO

SE RIESCE A METTERSI NEI MIEI PANNI

                       C
MAGARI NON MI FARA' RAPPORTO

E GLIELO DICO SINCERAMENTE

MINCHIA SIGNOR TENENTE

Sanremo 1993 - Roberto Murolo - L'Italia è bbella








Sanremo 1993 

Roberto Murolo - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 1993 - Roberto Murolo - L'Italia è bbella



Il testo

Addo’ si’ nnata tu, ‘a sera
‘o cielo e’ rosa
e ll’acqua e’ comm”e ll’oro,
e’ preziosa
e a sabbia
nfonne tutt”e ccose;
Addo’ si nnata tu,
‘o sole abbrucia ‘a pelle
e a notte
cchiu’ vicine
songh”e stelle
e ce ne stanno
a mmille a mmille
Ah, tu ca sunnave
‘e te’ fa accumpagna’
d”o viento
penzaste: che ffortuna,
‘a vita in Occidente!
e cchesto e’ assaje
pe’ cchi nun tene niente
Quanta criature
arrivano a luntano
pe’ vede’ ‘e crescere
stu ggrano
Ah’, ll’Italia e’ bella
pe’ cchi tene
‘a faccia nera!
ma areto ‘a ‘sta ricchezza
sapisse che amarezza,
e te ne accuorge’
quanno scenne a sera.
e ppienze ‘o cielo
tuojo ch’e’ rosa
e a lune gia’ sta’ lla’
mentre n’airone se ne va’
Addo’ tu si’ vvenuta
e’ tutto n’atu munno
e nun e’ comme
te pareva ‘nzuonno
e mmo’ ca o tiempo
sta cagnanno
Addo’ tu si’ vvenuta
quacche sera chiove,
e nun e’ doce
chello ca se’ prova
penzanno a cchesta
vita nova
Ah’, ll’Italia e’ bella
pe’ cchi tene ‘a faccia nera
ma areto ‘a ‘sta ricchezza
sapisse che amarezza,
e te ne accuorge’
quanno scenne a sera
e ppienze ‘o cielo
tuojo ch’e’ rosa
e a lune gia’ sta’ lla’
mentre n’airone se ne va’
E ppienze
‘o cielo tuojo ch’e’ rosa
e a lune gia’ sta’ lla’
mentre n’airone se ne va

 accordi per chitarra 

Am Em Am Am9 Am Em9
      Am     Dm
Addo' si' nnata tu, 'a sera

'o cielo e' rosa

Am         E7
e ll'acqua e' comm"e ll'oro,

            F
e' preziosa e a sabbia

    Dm
nfonne tutt"e ccose;

Am9   Dm6
Addo' si nnata tu,

'o sole abbrucia 'a pelle

G6     Em7
e a notte

cchiu' vicine

songh"e stelle

e ce ne stanno

F6
a mmille a mmille

Em7 Em6
Ah, tu ca sunnave

Am7
'e te' fa accumpagna'

d"o viento

C6
penzaste: che ffortuna,

'a vita in Occidente!

e cchesto e' assaje

Em7
pe' cchi nun tene niente

Am7 G6     Em7
    Quanta criature

arrivano a luntano

                C6
pe' vede' 'e crescere

stu ggrano

Em7
Ah', ll'Italia e' bella

Am6
pe' cchi tene

'a faccia nera!

C6
ma areto 'a 'sta ricchezza

sapisse che amarezza,

e te ne accuorge'

quanno scenne a sera.

Em6       C6
e ppienze 'o cielo

tuojo ch'e' rosa

e a lune gia' sta' lla'

Em7
mentre n'airone se ne va'

Dm6 Em7 Dm6 Em7 Dm6 Em7 Dm6   Am6
                        Addo' tu si' vvenuta

e' tutto n'atu munno

      Em7
e nun e' comme

te pareva 'nzuonno

F6              Dm6
e mmo' ca o tiempo

sta cagnanno

Am6   G6
Addo' tu si' vvenuta

quacche sera chiove,

D6
e nun e' doce

chello ca se' prova

F6             Bm7
penzanno a cchesta

vita nova

E7 D6
   Ah', ll'Italia e' bella

pe' cchi tene 'a faccia nera

ma areto 'a 'sta ricchezza

sapisse che amarezza,

F#m6
e te ne accuorge'

D6
quanno scenne a sera

e ppienze 'o cielo

tuojo ch'e' rosa

F#m6
e a lune gia' sta' lla'

D6
mentre n'airone se ne va'

Dm6 Am6 D6 Dm6 D6 Dm6 A9
                      E ppienze

'o cielo tuojo ch'e' rosa

Dm6
e a lune gia' sta' lla'

Dm9                      Dm6 
mentre n'airone se ne va'  
  
Dm6 F6 Dm6 Am Em7 Am9 Em7 Am Em7 Am9 G9 Am Dm9                                    

Sanremo 1993 - Cristiano De Andrè - Dietro la porta







Sanremo 1993 

Cristiano De Andrè - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Dietro la porta di casa mia 
Ho notizie arrivate da molto lontano 
Dietro la porta di casa mia 
Ho un amore che tengo che tengo a portata di mano 
Ho pensieri importanti parcheggiati in un angolo 
Aspettano me 
Ho parole scadenti perdenti vicino a me 
Dietro la porta di casa mia 
C’è la polvere dei miei ritorni della mia strada 
C’è l’ombra della mia anima 
Sempre attenta ovunque vada 
C’è un tempo preciso un momento anche per te 
Dietro la porta di casa cosa c’è 
Ci sono novità ci sono notti 
Che per niente al mondo cambierei 
Ci sono novità e tutto quello che ci porterà 
Questo vivere appesi coi denti 
Per una faccia migliore 
Questo vivere fuori dai tempi 
Aspettando per ore 
Ci sono novità ci sono notti 
Che per niente al mondo perderei 
Ci sono novità e tutto quello che ci porterà 
Questo gran consumarsi di mani 
Giocando carte migliori 
Questo leggere sempre le mani 
E cercarne i colori 
Dietro la porta di casa mia 
Ho un tappeto di tutte le stelle del cielo 
E i tuoi occhi segretamente nascosti 
Rinchiusi per me 
C’è un leggero passo di vento che qui non c’è 
Vedessi di notte quando danza per me 
Ci sono novità ci sono notti 
Che per niente al mondo cambierei 
Ci sono novità e tutto quello che ci porterà 
Questo stare leggeri e presenti 
Cantando fuori dal coro 
Queste voci poco distanti fuori dal coro 
Ci sono novità ci sono notti 
Che per niente al mondo perderei 
E la curiosità e tutto quello che ci porterà 
Ad aprire la porta ad ogni novità 
Consumandone poco per volta 
Per quello che verrà 
Per quello che verrà.

 accordi per chitarra 

DO-                DO-(SIb)      FA-                  SOL
Dietro la porta di casa mia ho notizie arrivate da molto lontano

DO-                DO-(SIb)       FA-       SOL
DO-
dietro la porta di casa mia ho un amore che tengo, che tengo a portata
di mano
   (SIb)

              LAb          SIb             MIb           LAb
ho pensieri importanti, parcheggiati in un angolo aspettano,

     RE7                             SOL
ho parole scadenti perdenti vicino a me.

   DO-                          FA-                   SOL
DO-
Dietro la porta di casa mia c'è la polvere dei miei ritorni della mia
strada

                       FA-         SOL         DO-
c'è l'ombra della mia anima sempre attenta ovunque vada 

  SIb        LAb          SIb         MIb
c'è un tempo preciso un momento anche per te, 

   RE7               SOL
dietro la porta di casa cosa c'è?


   DO              MI-(SI)            FA              SOL
Ci sono novità, ci sono notti che per niente al mondo cambierei

   DO            MI-(SI)             FA   SOL
ci sono novità e tutto quello che ci porterà 

   DO    (RE) (MI)             FA               SOL
questo vivere appesi coi denti per una faccia migliore

   DO    (RE) (MI)  FA                       SOL
questo vivere fuori dai tempo aspettando per ore.


Ci sono novità, ci sono notti che per niente al mondo perderei

ci sono novità e tutto quello che ci porterà 

questo gran consumarsi di mani giocando carte migliori

questo leggere sempre le mani e cercarne i colori


   DO-                               FA-                         SOL
Dietro la porta di casa mia ho un tappeto di tutte le stelle del cielo


         DO-    DO-(SIb)        LAb              SIb MIb
e i tuoi occhi, segretamente nascosti, rinchiusi per me

SIb  LAb                 SIb               MIb
 c'è un leggero passo di vento che qui non c'è

  RE7            SOL
vedersi di notte quando danza per me.


Ci sono novità, ci sono notti che per niente al mondo cambierei

ci sono novità e tutto quello che ci porterà 

questo stare leggeri e presenti cantando fuori dal coro

queste voci poco distanti fuori dal coro


Ci sono novità ci sono notti che per niente al mondo perderei

ci sono novità ce la curiosità che ci porterà

ad aprire la porta ad ogni novità

consumandone poco per volta per quello che verrà

per quello che verrà...

Sanremo 1992 - Matia Bazar - Piccoli giganti







Sanremo 1992 

Matia Bazar - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Il tempo qui non passa mai 
in questo grigio di città 
quando il cielo mi fa paura 
si può morire di poesia 
od impazzire di realtà. 
Prigionieri di queste mura 
dove sei principe del blu 
principessa delle stelle 
ti chiamavano amore e libertà 
ora chied la mia pelle 
non è un gioco da ragazzi 
fare i grandi e poi crescere 
senza fare passi falsi mai 
e andare avanti 
come piccoli giganti 
fuorilegge ma sarà così 
che diventeranno uomini 
anche da soli! 
La solitudine mi fa 
a volte troppa compagnia 
nel silenzio della mia stanza 
dove sei quando ti vorrei 
quando cresce la mia rabbia 
se mi perdo non andare via 
come un segno sulla sabbia. 
Dove sei amico dei miei guai 
quando c’è da stare male 
la ferita non si è chiusa mai 
e adesso bruci più del sale. 
Siamo piccoli giganti 
fuorilegge ma sarà così 
che diventeremo uomini 
anche da soli 
non è un gioco da ragazzi 
fare i grandi e poi crescere 
senza fare passi falsi mai.

 accordi per chitarra 

Dm C Dm C Dm C Dm C


D
IL TEMPO QUI NON PASSA MAI

Bm
IN QUESTO GRIGIO DI CITTA'

G         A              Bm  Em
QUANDO IL CIELO MI FA PAURA  

D                        Bm
SI PUO' MORIRE DI POESIA OD IMPAZZIRE DI REALTA'

G        A               Bm
PRIGIONIERI DI QUATTRO MURA

A Dm           C
  DOVE SEI PRINCIPE DEL BLU

    Dm                Am7
PRINCIPESSA DELLE STELLE

   Dm          C
TI CHIAMAVO AMORE E LIBERTA'

    Dm              C  Dm
ORA CHIEDI LA MIA PELLE....


NON E' UN GIOCO DA RAGAZZI

     A#           G7
FARE I GRANDI E POI CRESCERE

F          Dm
SENZA FARE PASSI FALSI MAI

Am  C             Dm                   A#
E ANDARE AVANTI COME PICCOLI GIGANTI FUORILEGGE

   G7          F      Dm             Am
MA SARA' COSI' CHE DIVENTEREMO UOMINI....

    C          Dm C Dm C Dm C Dm C
E ANCHE DA SOLI                  



D                   Bm
LA SOLITUDINE MI FA A VOLTE TROPPA COMPAGNIA

G        A                 Bm  A
NEL SILENZIO DELLA MIA STANZA  

Dm           C
DOVE SEI QUANDO TI VORREI

    Dm                  Am7
QUANDO CRESCE LA MIA RABBIA

      Dm        C
SE MI PERDO NON ANDARE VIA

  Dm                C
COME UN SEGNO SULLA SABBIA

  F9        Gm7
DOVE SEI AMICO DEI MIEI GUAI

F                    Gm7     F
QUANDO C'E' DA STARE MALE LA FERITA

       A#6
NON SI E' CHIUSA MAI

    F                   C
ADESSO BRUCI PIU' DEL SALE

   Em                    C
SIAMO PICCOLI GIGANTI FUORILEGGE

     A7        G       Em
MA SARA' COSI' CHE DIVENTEREMO UOMINI

Bm  D               Em
E ANCHE DA SOLI NON E' UN GIOCO DA RAGAZZI

     C            A7
FARE I GRANDI E POI CRESCERE

G9     Em                 Bm
SENZA FARE PASSI FALSI MAI.

D D9 D G#m F# G#m F# G#m F# G#m F# G#m F# G#m F# G#m F# G#m F#

Sanremo 1992 - Mariella Nava - Mendicante







Sanremo 1992 

Mariella Nava - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 1992 - Mariella Nava - Mendicante

Sanremo 1992 - Mariella Nava - Mendicante



Il testo

Mendicante 
Ai potenti dagli impotenti 

 Se questa è la libertà 
ne ho pensata un'altra 
senza disonestà 
non mi piace non mi va 
la tua prepotenza 
è tutta povertà. 

E la paura mia ogni grande idea 
ridotta a una bugia 
un nuovo West dove il giusto non c'è 
e tu dal podio tuo che chiedi chiedi 
cosa chiedi ancora e poi perchè! 

Mendicante, quanto vuoi 
non c'è più bisogno dei discori tuoi 
anche i servi e gli altri re 
han finito di fregare 
tutti quelli come me. 
Mendicante alla TV 
ridi che per primo non ci credi tu... 

Ah! Dov'è la verità 
pioggia di malcintenti 
tutti presunti innocenti 
tanti si dimenticherà 
noi nominati assenti 
di questa nullità. 

Ma c'è il coraggio che non sai 
di tutti quei diritti che ne fai 
in questo clima di si salvi chi può 
tu forse te ne laverai le mani sì 
io certamente no! 

Mendicante questo sei 
hai giocato troppo coi pensieri miei 
coi miei giorni e con i guai 
non pensare che da lì 
quel conto non lo paghi mai. 
Mendicante... 

Come un giorno che si fa 
su quel mare così sporco 
su ttuo quello che non va... 

Mendicante dove vai 
se ti volti...sei già solo! 

 accordi per chitarra 



Sanremo 1992 - Massimo Ranieri - Ti penso







Sanremo 1992 

Massimo Ranieri - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Ti penso come se ci fosse dentro
il mio silenzio la tua voce calda
io ti penso come se dal vento
mi cadessi addosso senza far rumore
e come se nel vento
dopo aver smaltito un po’ di tenerezza
noi due cominciassimo a volare.
lo ti penso quando viene sera
perché la penombra mi fa immaginare
mi distendo guardo verso il cielo
per cercare il tetto delle tue spalle bianche
come se quel cielo mi potesse dare
il motivo giusto per non stare male
come se star male dipendesse dalla volontà.
E ti penso, ti penso
anche se non ha più senso ritornare insieme a te
ma io ti penso, lo stesso
fosse solo per quegli occhi che hai lasciato in fondo a me.
lo ti penso perché non pretendo
come fanno in tanti di dimenticare
e ti penso perché nella gola
mi è rimasto il gusto delle tue risate
come se ingoiando questo tuo sorriso
io riuscissi ancora a farmi contagiare
ma mi trovo a ridere da solo, adesso che ti penso.
Ti penso anche se non ha più senso
ritornare insieme a te ma io ti penso,
lo stesso fosse solo per quegli occhi
che hai lasciato in fondo a me.
Magari rubo dei momenti alla mia vita
magari non è neanche giusto sia cosi
solo il tuo viso fa la guardia al tempo che ho perduto
ma in fondo come avrei vissuto senza te.
Ma io ti penso, lo stesso tosse solo per quegli occhi
che hai lasciato in fondo a me…

 accordi per chitarra 

 MIb
Io ti penso
            FAm7                  MIb
come se ci fosse dentro il mio silenzio
             LAb
la lua voce calda
       MIb
io ti penso
             FAm7
come se dal vento
              MIb               LAb
mi cadessi addosso senza far rumore

e come se nel vento
               SIb7            SOLm7 DOm7
dopo aver smaltito un po di tenerezza__
    FAm7     SIb7         MIb FAm7
noi due cominciassimo a volare.


Io ti penso quando viene sera

perche' la penombra mi fa immaginare

mi distendo guardo verso in cielo

per cercare il tetto delle tue spalle bianche

come se quel cielo mi potesse dare

il motivo giuslo per non stare male

come se star male dipendesse dalla volonta'.


      MIb Mib7+  DOm MIb
E ti penso   ti penso
              LAb        MIb
anche se non ha piu senso__
     FAm7           SIb7
ritornare insieme a te
          MIb SOLm7 DOm DOm7
ma io ti penso lo  stesso
           LAb
fosse solo per quegli occhi
                     SIb7   MIb
che hai lasciato in fondo a me.


[3 - come 1 - cambio tonalita']
       FA                SOLm7
Io ti penso perchè non pretendo
               FA             SIb
come fanno in tanti di dimenticare
      FA               SOLm7
e ti penso perchè nella gola
                 FA               SIb
mi è rimasto il gusto delle tue risate__
     LAm7                       SIb
come se ingoiando questo tuo sorriso
        LAm7                     REm
io riuscissi ancora a farmi contagiare
        SOLm7     FA     SIb
ma mi trovo a vivere da solo
       DO7     FA    FA7+
adesso che ti penso.
    REm FA
Ti penso__
             SIb         FA
anche se non ha più senso__
     SOLm7           DO7
ritornare insieme a te__
          FA  LAm7     REm  REm7
ma io ti penso    lo stesso
           SIb
fosse solo per quegli occhi
                     DO7    FA  DOm7 FA7
che hai lasciato in fondo a me.
        SIb      DO7            LAm7  DOm7
Magari rubo dei momenti alla mia vita
  FA7  SIb             DO7       FA
magari non è neanche giusto sia così
             SIb        DO7             LAm7    REm
solo il tuo viso fa la guardia al tempo che ho perduto
             SOL7                    DO7
ma in fondo come avrei vissuto senza te.


FA7+    REm FA
    Ti penso__
             SIb         FA
anche se non ha più senso__
     SOLm7           DO7
ritornare insieme a te__
          FA  LAm7     REm  REm7
ma io ti penso    lo stesso
           SIb
fosse solo per quegli occhi
                     DO7    FA  DOm7 FA7
che hai lasciato in fondo a me.
           SOLm7
fosse solo per quegli occhi
           DO7/4            FA
che hai lascialo in fondo a me.