martedì 28 aprile 2015

Sanremo 1951 - Achille Togliani - Sedici anni







Sanremo 1951 

Achille Togliani - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 1951 - Achille Togliani - Sedici anni



Il testo

Se gli anni rinverdissero
 come le foglie in primavera,
 allor potrei rivivere
 la mia più bella età.

 Sedici anni, forse avevo,
 e credevo già d'amar.
 È passato il tempo e, non so come,
 mi ritorna in mente un dolce nome.

 Primi baci, primi pianti,
 brevi istanti per sognar.
 E per dirci una parola,
 dovevamo la scuola marinar!

 Dolci frasi, sogni belli,
 credevamo nostro l'avvenir.
 Costruivamo bei castelli
 col pensiero, senza mai mentir!

 Sedici anni! Che tristezza
 ricordare ciò che fu.
 Sogni della prima giovinezza,
 che non tornerà mai più!

 Sedici anni! Che tristezza
 ricordare ciò che fu.
 Sogni della prima giovinezza,
 che non tornerà mai più!

 Sedici anni, forse avevo,
 che non torneranno più! 

Sanremo 1951 - Nilla Pizzi - Duo Fasano - La Margherita







Sanremo 1951 

Nilla Pizzi - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 1951 - Nilla Pizzi - Duo Fasano - La Margherita



Il testo

O bambina innamorata, dimmi tu
che cos’è che ti fa piangere e sognar?
Pensi sempre a quell’amor che non c’è più
Passa il tempo e tu non sai dimenticar.
Chiedi invano ad ogni stella e ad ogni fior:
Tornerà? Non tornerà quel grande amor?
E la margherita,
che fra i fiori è l’indovina,
solo lei, bambina,
la risposta ti darà

Ti dice sì
ti dice no
la margherita.
Ora un bel sì
ora un bel no
Questa è la vita!
Tu sognerai, piangerai, scorderai!
Sfoglia sfoglia sfoglia sfoglia
e con ogni foglia
quanti sogni passano così,
come quella margherita
che fra le tue dita
tu sfogliavi un dì.

Sanremo 1951 - Duo Fasano - La cicogna distratta







Sanremo 1951 

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 1951 - Duo Fasano - La cicogna distratta

Sanremo 1951 - Duo Fasano - La cicogna distratta



Il testo

C’è una casetta bianca sul monte
baciata già dalla luna;
e, sulla collinetta di fronte,
una villetta s’imbruna.
Nella casetta vi son due nonni,
e nella villa sposi in amor.
Ma la cicogna che porta i bambini,
volando, commette un error!

Lassù, lassù
sopra il camin
posata è la cicogna.
Ha nella bocca un fantolin,
ma è rossa di vergogna.
Per ben tre volte si sbagliò
e il bimbo lì portò:
Un bel piccino
dai riccioli d’or
per quei sposini in amor.
Ma la cicogna, distratta, che fa?
Ai due vecchietti lo vuol portar.

Mentre sta la sposina in attesa,
ride una stella dal cielo,
e mostra, alla cicogna sorpresa,
dove è diretto il suo volo.
Ora la villa è un raggio di sole
e la cicogna vola lassù;
e dal camino pianino, pianino,
quel bimbo fa scender giù!
Lassù, lassù
sopra il camin
posata è la cicogna.
Ha nella bocca un vestitin,
e non ha più vergogna.
Per ben tre volte si sbagliò,
ma questa volta no…
Il bel piccino
dai riccioli d’or
hanno gli sposi in amor.
Or la cicogna
felice sta là
guarda, sorride… e poi se ne va!…

Sanremo 1974 - Piero Focaccia - Valentintango







Sanremo 1974 

I vincitori del Festival dal 1951

Piero Focaccia - midi karaoke 

Sanremo 1974 - Piero Focaccia - Valentintango



Il testo

Straziami e poi d'amore saziati se puoi 
Coi baci miei 
Tra i balocchi ai miei ginocchi vedi tu sei qui 
Ad implorare un si 
Vipera sul canapè,ti ho morso in fondo al cuor 
Col mio veleno che 
È mortal per te 

Ritornello 
Valentintango tango 
Io ballo e tu m'implori 
Strisciando accanto a me 
Valentintango tango 
Delirio e desiderio fanno impazzire te 
Valentintango tango 
Tu finirai nel fango senza di me 
O morirai ai piedi miei con un casquet 

Splende l'abat-jour che spande la sua luce blu 
E soffri tu 
Scettico e glaciale ma la vita mia cos'è 
Se io non mordo te 
Prendimi maliarda la bottiglia di champagne 
In ghiacco è qui per te 
Fai cin cin con me 

Valentintango tango 
Io ballo e tu m'implori 
Strisciando accanto a me 
Valentintango tango 
Delirio e desiderio fanno impazzire te 
Valentintango tango 
Tu finirai nel fango senza di me 
O morirai ai piedi miei con un casquet. 
Valentintango tango 
Io ballo e tu m'implori 
Strisciando accanto a me 
Valentintango tango 
Delirio e desiderio fanno impazzire te 
Valentintango tango 
Tu finirai nel fango senza di me 
O morirai ai piedi miei con un casquet. 

Valentintango tango 
Tu finirai nel fango senza di me 
O morirari ai piedi miei con un casquet 
O morirari ai piedi miei con un casquet. 

Sanremo 1974 - Gianni Nazzaro - A Modo Mio







Sanremo 1974 

I vincitori del Festival dal 1951

Gianni Nazzaro - midi karaoke 





Il testo

Io nella vita ho fatto 
Un pò di tutto 
Non sò se ho fatto poco Oppure tanto 
Non sono stato un santo 
E questo lo sà pure Dio 

Nai nai na na... 
Nai nai na na... 

Ho camminato con la pioggia e il vento 
Ho riso spesso 
E qualche volta ho pianto 
E cento e mille volte 
Son rimasto solo io 
Ma ho sempre fatto tutto a modo mio 

A modo mio a modo mio 
Avrò sbagliato ma a modo mio 

A modo mio a modo mio 
Avrò sbagliato ma a modo mio 

E tu che sei comparsa tutta ad un tratto 
E in un momento hai colorato tutto 
Tu sei diversa sei importante 
Ho paura io 
Chissà se potrò averti a modo mio 

A modo mio a modo mio 
Avrò sbagliato ma a modo mio 

A modo mio a modo mio 
Avrò sbagliato ma a modo mio 

Nai nai na na... 
Nai nai na na... 

Chissà se potrò averti a modo mio... 

 accordi per chitarra 

MI  LA7  FA#-  SI-  MI-  LA7

LA7  RE           SOL             LA
Io nella vita ho fatto un po' di tutto
              RE      SOL        LA
non so se ho fatto poco oppure tanto
     SOL           LA               RE  FA#7 SI-
non sono stato un santo e questo lo sa pure Dio.

MI  LA7  FA#-  SI-  MI-  LA7

LA7  RE       SOL                 LA
Ho camminato con la pioggia e il vento
    RE             SOL                LA
ho riso spesso e qualche volta ho pianto
    SOL           LA          RE   FA…7 SI-
e cento e mille volte son rimasto solo io
        MI-7         LA7           RE
ma ho fatto tutto sempre a modo mio.

RE     SOL  LA      FA#-
A modo mio, a modo mio, 
 SI7    SOL      LA       RE
avr• sbagliato, ma a modo mio.

MI  LA7  FA#-  SI-  MI-  LA7

  MI              LA                  SI
E tu che sei comparsa tutto ad un tratto
     MI            LA          SI
e in un momento hai colorato tutto
      LA             SI             MI SOL#7 DO#-
tu sei diversa sei importante, ed ho paura io
      FA#-        SI7             MI
chiss… se potr• averti, a modo mio

       LA  SI      SOL#- DO#7
A modo mio, a modo mio, 
        LA        SI7     MI
avr• sbagliato, ma a modo mio.
FA#-  SI  SOL#- SOL#7  DO#-
..............................
       FA#-        SI7            LA MI FA#- MI
chiss… se potr• averti, a modo mio.

Sanremo 1974 - Valentina Greco - Notte dell'Estate







Sanremo 1974 

I vincitori del Festival dal 1951

midi karaoke 

Sanremo 1974 - Valentina Greco - Notte dell'Estate



Il testo

Anche se bussi per tutta la notte 
Tanto non ti aprirò 
Vattene dammi retta 
Non mi cercare più 
La mia famiglia è gente d’onore 
Cosa che non hai tu 
L’ho detto anche a mio padre 
Mio figlio nascerà. 
Anche se di vergogna per colpa tua 
Mi coprirò 
La notte dell’amore la prima volta 
Non scorderò.

Notte dell’estate mi portasti di nascosto 
A far l’amore 
Quando il grano maturava e la luna 
In cielo risplendeva 
Forte mi stringevi nella notte scomparivano 
I pensieri 
Davo retta solo al cuore era l’ora del mio 
Primo amore

Sei sicuro di quello che vuoi 
Mio padre sveglierei 
Se è solo un’avventura 
Qui non la trovi più 
Ma se l’amore può darti il coraggio 
Domani torna qui 
Ti siederai con noi 
Davanti a mio papà 
Notte di mille pene mi scoppia il cuore 
Non dormirò 
La notte dell’amore la prima volta 
Non scorderò

Notte dell’estate mi portasti di nascosto 
A far l’amore 
Quando il grano maturava e la luna 
In cielo risplendeva 
Forte mi stringevi nella notte scomparivano 
I pensieri 
Davo retta solo al cuore era l’ora del mio 
Primo amore.

Sanremo 1974 - Gilda Giuliani - Senza titolo







Sanremo 1974 

I vincitori del Festival dal 1951

Gilda Giuliani - midi karaoke 

Sanremo 1974 - Gilda Giuliani - Senza titolo



Il testo

C’è 
Non so bene neanche io 
Sarà questa pioggia 
Sarà che anche dentro a un addio 
C’è qualcosa di grande qualcosa che resta 
C’è 
Pensa un po’ com’è strano 
che penso che hai perso tutto 
il mio orso quello di peluche 
e i biglietti per il viaggio che ti dimentichi quasi sempre lo sai 
no non devi pensare chi a la mattina mi sveglierà 
io faccio venire quella vecchietta del piano di su 
la mattina va a messa e si alza presto lo sai 
no non devi pensare come farò a passare le sere 
io un ragazzo lo trovo si vedrai che lo trovo 
e c’è 
che mi ero abituata 
ai tuoi occhi 
cosi grandi 
ci vedevo i miei mille naufragi 
e una spiaggia col sole che ti piaceva così tanto così tanto 
facce brune di sole stupide donne intorno a te 
ridi sorrisi grandi per tutti quanti ma non per me 
file di coltellate le mie nottate senza di te 
c’è 
non so bene neanche io 
sarà che io sono sbagliata 
sarà che anche dentro a un addio 
c’è qualcosa di vero qualcosa che resta 
e poi c’è 
che ti amo davvero 
ed io non ho il coraggio di dirti 
di restare con me 
perché io hai capito che io che io 
e poi c’è 
che ti amo davvero la la la 
perché io hai capito che io che io 
addio.