giovedì 5 febbraio 2015

Sanremo 1981 - Eduardo De Crescenzo - Ancora







Sanremo 1981  

Tutto Sanremo dal 1951 

Eduardo De Crescenzo - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 





Il testo

È notte alta e sono sveglio 
sei sempre tu il mio chiodo fisso. 
Insieme a te ci stavo meglio 
e più ti penso e più ti voglio. 
Tutto il casino fatto per averti 
per questo amore che era un frutto acerbo 
e adesso che ti voglio bene io ti perdo... 
Ancora ancora ancora 
perché io da quella sera 
non ho fatto più l'amore senza te 
e non me ne frega niente senza te. 
Anche se incontrassi un angelo direi: 
«Non mi fai volare in alto quanto lui». 
È notte alta e sono sveglio 
e mi rivesto e mi rispoglio 
mi fa smaniare questa voglia 
che prima o poi farò lo sbaglio 
di fare la pazza venir sotto casa 
tirare sassi alla finestra accesa 
prendere a calci la tua porta chiusa, chiusa... 
Ancora ancora ancora 
perché io da quella sera 
non ho fatto più l'amore senza te 
e non me ne frega niente senza te. 
Ancora ancora ancora..

 accordi per chitarra 

LAm                    RE7
E' notte alta e sono sveglio,
SOLm                         DO
sei sempre tu il mio chiodo fisso
LAm7                   RE7
insieme a te ci stavo meglio
SOLm                       DO
e piu' ti penso e piu' ti voglio
SIb                    DO
tutto il casino fatto per averti
LAm7                         RE7
per questo amore che era un frutto acerbo
SOLm                  SIbm       DO DO7
adesso che ti voglio bene io ti perdo.
FA REm7 SOLm DO LAm FA7         SIb           LA7
Ancora, ancora, ancora, perche' io da quella sera
        REm          SOLm DO   FA  REm
non ho fatto piu' l'amore senza te
      SOLm          DO       FA  REm
e non me ne frega niente senza te
      SIb               DO       LAm7 RE7
anche se incontrassi un angelo direi
        SOLm          DO          FA
non mi fai volare in alto quanto lei.
LAm                    RE7
E' notte alta e sono sveglio
SOLm                  DO
e mi rivesto e mi rispoglio
LAm7                   RE7
mi fa smaniare questa voglia
SOLm                     DO
e prima o poi faro' lo sbaglio
SIb                      DO
di fare il pazzo e venir sotto casa
LAm7                 RE7
tirare sassi alla finestra accesa
SOLm                    SIbm            DO DO7
prendere a calci la tua porta chiusa, chiusa.
FA REm7 SOLm DO LAm FA7         SIb           LA7
Ancora, ancora, ancora, perche' io da quella sera
        REm          SOLm DO   FA  REm
non ho fatto piu' l'amore senza te
      SOLm          DO       FA  REm
e non me ne frega niente senza te
      SIb               DO       LAm7 RE7
anche se incontrassi un angelo direi
        SOLm          DO          FA
non mi fai volare in alto quanto lei.

Sanremo 1981 - Luca Barbarossa - Roma spogliata







Sanremo 1981  

Tutto Sanremo dal 1951 

Luca Barbarossa - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 





Il testo

ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
quell'inverno
l'odore del caffe`
negli autobus
era di rito
e la pioggia
non cadeva giu`
per caso
e ne` per gioco
nei cinema
Holliwood cantava
la nostalgia
un po' bagnato
guardavo per la
strada la gente mia
Roma puttana
quattro dischi un
gatto una
serata strana
Roma spogliata
dei suoi tanti amori
dei suoi
vecchi fiori
Roma fatata
lasciami cantare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
Nelle macchine
appannate
dai discorsi
su carnevale
i bambini
disegnavano
spauriti
i loro cuori
e i tedeschi
vestiti come al mare
fan tremare
le signore coperte
di animali
sempre piu` rari
Roma venduta
per due soldi a una
vecchia americana
Roma nascosta
sotto il fumo nero
dei nostri cannoni
Roma incantata
lasciami suonare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
quell'inverno
quell'inverno
se la mente
non m'inganna
era d'estate
chiama i giri
che le quattro anche
stanotte sono arrivate
Roma sorella
quante volte
son partito
e ritornato
Roma mia madre
occhi tristi
che non mi hanno
abbandonato
Roma svampita
calze a rete
tacchi a spillo
e un po' di vita
Roma ingannata
dai suoi tanti amori
dai suoi vecchi fiori
Roma spogliata
lasciami cantare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra

 accordi per chitarra 

C              Dm C9
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C              Dm G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra


C                                                       F
quell'inverno l'odore del caffe` negli autobus era di rito

Dm       G                                         C
e la pioggia non cadeva giu` per caso e ne` per gioco

                          C7            F
nei cinema Holliwood cantava la nostalgia

Dm          G
un po' bagnato guardavo per la strada la gente mia

C C7        F
  Roma puttana 

                     G                 C
quattro dischi un gatto una serata strana

            F
Roma spogliata

                  C                     G
dei suoi tanti amori dei suoi vecchi fiori

         Dm
Roma fatata

              G            C
lasciami cantare una serenata

               Dm7 G
ta ta ra ra ra     ta ta ra ra ra

C C9       C                                      F
  Nelle macchine appannate dai discorsi su carnevale

Dm     G                    G7           C
i bambini disegnavano spauriti i loro cuori

                                           F
e i tedeschi vestiti come al mare fan tremare

Dm7     G                  G7               C
le signore coperte di animali sempre piu` rari

C7        F
Roma venduta

                       G           C
per due soldi a una vecchia americana

C9         F
Roma nascosta

                C                  G
sotto il fumo nero dei nostri cannoni

G9          Dm
Roma incantata

              G            C
lasciami suonare una serenata

               Dm G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C
quell'inverno 

                                                  F
quell'inverno se la mente non m'inganna era d'estate

Dm         G                             G7            C
chiama i giri che le quattro anche stanotte sono arrivate

Roma sorella 

                                  F
quante volte son partito e ritornato

Dm7        G7
Roma mia madre

                                       C
occhi tristi che non mi hanno abbandonato

           F
Roma svampita

                          G                C
calze a rete tacchi a spillo e un po' di vita

C7          F
Roma ingannata

                  C                     G
dai suoi tanti amori dai suoi vecchi fiori 


G9 Dm G C C7          Dm
          Roma spogliata

              G9           C
lasciami cantare una serenata

               F6 G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C              Dm Em             C9
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra 



Sanremo 1980 - Enzo Malepasso - Ti Voglio Bene







Sanremo 1980  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 





Il testo

Ho comprato un cielo al supermercato 
Con due sogni falsi l'ho pagato 
Ma il sacchetto era rotto 
E le stelle ad un tratto son volate via 
Formavano una scia 
Che andava fino a casa tua 
Dal momento in cui mi sono svegliato 
Più di mille volte ti ho sognato 
Accidenti lo sento 
Qualcosa è cambiato nei riguardi tuoi 
Per me tu cosa sei 
Più o meno quella che vorrei 
Se pure faccio finta di niente m'accorgo che 
Ti voglio bene, che ci vuoi fare 
Ma proprio a me doveva capitare 
Ti voglio bene, non mi spavento 
Se questo è amore al centodue per cento 
Ti voglio bene 
E non mi importa in che dimensione 
Se anche da soli noi stiamo insieme 
Ti voglio bene 
Nel parcheggio della mia fantasia 
Ha trovato posto un'emozione 
Ma è un amore che resta 
In divieto di sosta nella mente tua 
Non lo portare via 
E stringiti più forte a me 
Legati a un filo fatto di niente m'accorgo che 
Ti voglio bene, che ci vuoi fare 
Ma proprio a me doveva capitare 
Ti voglio bene, non mi spavento 
Se questo è amore al centodue per cento 
Ti voglio bene 
E non mi importa in che dimensione 
Se anche da soli noi stiamo insieme 
Ti voglio bene 
Ti voglio bene.

Sanremo 1979 - ROBERTA - Il Sole, La Pioggia







Sanremo 1979  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 





Il testo

La pioggia, il sole 
è quello che mi davi tu 
La pioggia, il sole 
Il gatto nero non c'è più 
La pioggia, il sole 
Io sto facendo una pazzia 
La pioggia, il sole 
Mi stai portando a casa tua 
La pioggia, il sole 
Il treno parte, il treno va 
La pioggia, il sole 
Mia madre è bella e non lo sa 
La pioggia, il sole 
L'ombrello non ci serve più 
La pioggia, il sole 
Se vengo dove hai voglia tu 
Little, little baby, little, little baby 
Oh, oh, oh, oh 
Little, little baby, little, little baby 
Oh, oh, oh, oh 
Ogni donna quando è là quello che vuole lo sa 
Il sole, la pioggia 
L'azzurro io l'ho visto già 
Il sole, la pioggia 
Da oggi c'è la libertà 
Il sole, la pioggia 
Cantare forte più che puoi 
Il sole, la pioggia 
Giocare dentro gli occhi tuoi 
Tu, ah, ah, ah, ah 
Più, ah, ah, ah, ah 
Su, ah, ah, ah, ah 
Il sole, la pioggia 
Ridammi l'accendino blu 
Il sole, la pioggia 
Lo so che l'hai fregato tu 
Il sole, la pioggia 
Che giorno è oggi, è venerdì 
Il sole, la pioggia 
Credevo fosse lunedì 
Little, little baby, little, little baby 
Oh, oh, oh, oh 
Little, little baby, little, little baby 
Oh, oh, oh, oh 
Ogni donna quando è là quello che vuole lo sa 
Il sole, la pioggia 
L'ombrello non ci serve più 
Il sole, la pioggia 
Se ho fatto quel che hai fatto tu 
Il sole, la pioggia 
L'azzurro io l'ho visto già 
Il sole, la pioggia 
Da oggi c'è la libertà 
Il sole, la pioggia 
Il gatto nero non c'è più 
Il sole, la pioggia 
Non c'è più lui ma ci sei tu 
Il sole, la pioggia 
Il treno parte, il treno va 
Il sole, la pioggia 
Mia madre è bella e non lo sa 
Il sole, la pioggia 
L'ombrello non ci serve più 
Il sole, la pioggia 
Se ho fatto quel che hai fatto tu 
Il sole, la pioggia 
L'azzurro io l'ho visto già 
Il sole, la pioggia 
Da oggi c'è la libertà.

Sanremo 1978 - Roberto Carrino - N'addore 'e castagne







Sanremo 1978 
 
Tutto Sanremo dal 1951  

midi karaoke  





Il testo



SANREMO 1978 - DANIEL SENTACRUZ ENSEMBLE - 1/2 Notte







Sanremo 1978 
 
Tutto Sanremo dal 1951  

midi karaoke  





Il testo

SANREMO 1978 - SCHOLA CANTORUM - Il Mio Amore







Sanremo 1978 
 
Tutto Sanremo dal 1951  

midi karaoke  







Il testo

Il mio amore 
nasce piano senza far rumore 
cresce dentro dolcemente 
senza farmi troppo male, 
lentamente col suo caldo sapore. 
Il mio amore 
serve per cacciare via la noia 
quando non sai più che fare 
per scaldarti un po' nel letto 
puoi cercare 
puoi chiamare 
questo amore. 
Un amore per cantare 
un amore per sorridere e soffrire 
un amore per sognare 
un amore per poi vivere o morire. 
Sei il mio amore 
fosse il vento sarebbe un uragano 
strapperebbe le radici 
di quel male che c'è in te 
per lasciarti solamente questo amore. 
Un amore per cantare 
un amore per sorridere e soffrire 
un amore per sognare 
un amore per poi vivere o morire. 
Un amore...

Sanremo 1977 - LA STRANA SOCIETA' - Tesoro Mio







Sanremo 1977  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Ti seguo a fari spenti io 
E dal lunotto vedo che 
C'è la tua testa accanto a lui 
E c'è il suo braccio attorno a te 
Non so perché mio Dio 
Io ti ho lasciata andare 
Se poi non son capace di stare senza te 
Nella sua auto ferma al buio 
Sono appannati i vetri e io 
Mi posso immaginare già 
In quale modo finirà 
Io intanto sono solo e piango 
Col rimpianto di aver sbagliato con te 
Sei stato tu a dirmi quella notte questo è un addio 
Ti ho fatta io 
Tesoro mio 
Ti giuro che non ci cadrei 
In tutti questi errori miei 
Mi manca quella tua allegria 
Non torturarmi tu sei mia 
Son già cambiato io 
Adesso che ti vedo 
Con lui seduta dentro 
Ti prego torna da me 
Sei stato tu a dirmi quella notte questo è un addio 
Ti ho fatta io 
Tesoro mio 
Sei stato tu a dirmi quella notte questo è un addio 
Ti ho fatta io 
Tesoro mio.

Sanremo 1977 - Donatella Rettore - Oh Carmela







Sanremo 1977  

Donatella Rettore - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Carmela regalava caramelle colorate 
Ma erano caramelle avvelenate 
Di giorno piangeva sulle tombe dei vivi 
Di notte cercava pace tra gli ulivi 
Hanno sparato a salve dicono 
Solo per farli sloggiare 
E invece gli hanno fatti cadere 
I cani se hanno paura 
Vanno tenuti alla catena 
Carmela viveva sulle bocche dei ragazzi 
Che volevano solo un po' di pace per i loro vecchi 
Barcellona sembrava un prato 
Ma era un campo di sterminio 
E i soldati con i fucili in mano 
Tutelavo col sangue la pace dei civili 
E loro si incontravano di notte 
Per non farsi vedere 
Cantavano e facevano l'amore 
E Carmela gli chiudeva gli occhi 
E Carmela era una ste... 
Una perla nera 
Carmela era la loro bandiera 
A quarant'anni o si è furbi o si è eroi 
A quarant'anni lui amava solo lei 
Gli occhiali gli cadevano sul naso 
Ma mentre attentava l'ultima vela 
Nel suo letto in paradiso cantava 
Oh, oh, oh, Carmela 
Oh, oh, oh, Carmela 
Carmela regalava caramelle avvelenate 
Ma si dice che qualcuno sia risorto dopo averle assaggiate 
Barcellona sembrava un prato 
Ma era un campo di sterminio 
E i soldati con i fucili in mano 
Tutelavo col sangue la pace dei civili 
E loro si incontravano di notte 
Per non farsi vedere 
Cantavano e facevano l'amore 
E Carmela gli chiudeva gli occhi 
E Carmela era una ste... 
Una perla nera 
Carmela era la loro bandiera 
Oh, oh, oh, Carmela 
Oh, oh, oh, Carmela 
Oh, oh, oh, Carmela 
Oh, oh, oh, Carmela.

Sanremo 1977 - Matia Bazar - Ma Perchè







Sanremo 1977  

Matia Bazar - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Se tu la notte non mi vieni a trovare 
Non è importante per me 
Non è l'amore che mi fa un po' sognare 
Ma la pazza voglia di te 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Le strade vuote non mi fanno paura 
Da sola camminerò 
E per avere solo qualche avventura 
Nel mio silenzio vivrò 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Domani avremo cose nuove da fare 
Di ieri niente però 
Nei bei ricordi non mi va di buttare 
Di oggi il mito farò 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Ma perché, ma perché, ma perché 
E tutti i miei problemi del cuore 
Da oggi cancellerò 
E se tu insisti a venirmi a cercare 
Soltanto amata sarò 
Ma perché, ma perché, ma perché 
Ma perché, ma perché, ma perché.

 accordi per chitarra 

F#m7 Bm F#m7 Bm F#m7 Bm F#m7 Bm


F#m7
Se tu la notte 

    Bm7
non mi vieni a trovare 

F#m7                     Bm7
Non e' importante per me 

F#m7
Non e' l'amore 

          Bm7
che mi fa un po' sognare 

E
Ma la pazza voglia di te 

A
Ma perche', ma perche',

D
(Ma perche', ma perche') 

A                      F#m
Ma perche', ma perche',

F#m7
Le strade vuote 

       Bm
non mi fanno paura 

F#m7               Bm
Da sola camminero' 

F#m7
E per avere 

     Bm7
solo qualche avventura

E
Nel mio silenzio vivro' 

   A
Ma perche', ma perche',

D                  A
(Ma perche', ma perche') 

Ma perche', ma perche',

F#m A
    Shara para' para' 

Shara para' para' 

     F#m
Pa para papara

A
Shara para' para' 

Shara para' para' 

     F#m
Pa para papara 

Bm7
Para parara parara pa' 

Para parara parara pa' 

E                      F#m7 Bm
Para parara parara pa'      


F#m7    F#m9    F#m7   Bm
Ah, ah,     ah         

F#m7            Bm
Domani avremo cose nuove da fare 

F#m7                 Bm9
Di ieri niente pero' 

F#m7                   Bm7
Nei bei ricordi non mi va di buttare 

E
Di oggi il mito faro' 
A
Ma perche', ma perche', 

D                  A
(Ma perche', ma perche') 

                        F#m
Ma perche', ma perche', 

F#m7
E tutti i miei 

   Bm
problemi del cuore 

F#m7
Da oggi cancellero' 

Bm F#m7
   E se tu insisti 

  Bm7
a venirmi a cercare 

E
Soltanto amata saro' 

A
Ma perche', ma perche', 

D                  A
(Ma perche', ma perche') 

Pa papa pa papa pa pa 

F#m A
    Shara para' para' 

Shara para' para' 

     F#m
Pa para papara

A
Shara para' para' 

Shara para' para' 

     F#m
Pa para papara 

Bm7
Para parara parara pa' 

Para parara parara pa' 

E                      F#m7 Bm
Para parara parara pa'      


F#m7    Bm F#m7    F#m F#m7
Ah,    a    h,         ah 

Bm                    F#m7
Pa papa pa rapa pa pa 

Bm                   F#m7   Bm
Na na na na na na na na     

C#m E6 F#m7
Ah,    ah 

Bm7                F#m7
Pa papa pa rapa pa pa 

             Bm               F#m7
Pa rapa para Pa ra ra papa pa ra 

             F#m
Pa rapa para 

C#m E9 F#m7   Bm7 F#m
Ah,    ah         

Sanremo 1977 - Gli Albatros - Gran premio







Sanremo 1977  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Un volante e io
La velocita’
E la strada, oh Dio
Quanti muri ha.
L’ho gia’ vista in faccia
La mia fine, io
Fuoco che mi abbraccia
Urla intorno a me.
Maddalena no
Io non corro piu’
Ho paura e so
Quanto vali tu...
Auto rosse e blu
Dove vanno mai
Primo non sei mai
Anche se lo sei

Maddalena no
Io non corro piu’
Ho paura e so
Quanto vali tu...
Auto rosse e blu
Dove vanno mai
Primo non sei mai…

Un volante e io
La velocita’
Dimostravo anch’io
A chi guarda la’
Che duello e’
Morte contro me
Uomo cosa sei
Macchina anche tu...

Maddalena no
Io non corro piu’
Ho paura e so

Quanto vali tu...
Ma se la faro’

Stringi, amore mio
Stringi piu’ che puoi
Il volante mio...

Maddalena no!.

Sanremo 1977 - Daniela Davoli - E invece con te...







Sanremo 1977  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

Voglio ribellarmi perché 
A me piace stare in guerra 
Sentirmi forte e poi 
Rimanere vincitrice 
Son strana lo so 
E invece con te 
Tremo vicino a te 
Non voglio di lottare 
Certi diritti miei 
Non so più farli valere 
Son strana lo so 
E invece con te 
Reagire non so, non posso 
E invece con te 
Crolla l'orgoglio di una donna 
Un mito costruito 
In cui credevo io 
Sciolgo catene arrugginite 
Di storie ormai finite 
Che portavo insieme a me 
Ora mi spoglio dolcemente 
Delle ambizione spente 
Su cui sognavo io 
Piango, non vedi che io piango 
Io fragile ti sento 
Proprio io, qui con te 
Voglio ribellarmi perché 
Tu in fondo non sei niente 
Voglio reagire perché 
Non hai niente più degli altri 
Sono strana lo so 
E invece con te 
Reagire non so, non posso 
E invece con te 
Crolla l'orgoglio di una donna 
Un mito costruito 
In cui credevo io 
Sciolgo catene arrugginite 
Di storie ormai finite 
Che portavo insieme a me 
Ora mi spoglio dolcemente 
Delle ambizione spente 
Su cui sognavo io 
Piango, non vedi che io piango 
Io fragile ti sento 
Proprio io, qui con te 
Piango, non vedi che io piango.