lunedì 23 dicembre 2013

Sanremo 2014 - Vadim - La modernità











Il testo

Scendono gocce di sudore
 Sulla fronte di un lavoratore
 E il mondo non può farne a meno
 Almeno credo, almeno credo
 
Ma questa è la modernità
 Noi a casa, noi a casa
 Un computer lavorerà
 
Ora qui in questo meccanico mondo
 Non ho compreso qual è il posto che posso occupare
 Forse non posso più nemmeno respirare
 E poi
 
E poi c’è lei
 Che ha bisogno di più
 E poi ci sei anche tu
 
Scendevano gocce di sudore
 Sulla fronte di un lavoratore
 Tanto tempo fa
 Ma questa è la modernità
 Noi a casa, voi a casa, il computer lavorerà
 
Ora qui in questo meccanico mondo
 Non ho compreso qual è il posto che posso occupare
 Forse non posso più nemmeno respirare
 E poi
 
E poi c’è lei
 Che ha bisogno di più
 E poi ci sei anche tu
 
Scendono gocce di sudore
 Sulla fronte di un lavoratore
 E il mondo non può farne a meno
 Almeno credo, almeno credo
 
Ma questa è la modernità
 Noi a casa, voi a casa, il computer lavorerà
 
Ora qui in questo meccanico mondo
 Non ho compreso qual è il posto che posso occupare
 Forse non posso più nemmeno respirare
 E poi
 
E poi c’è lei
 Che ha bisogno di più
 E poi ci sei anche tu

accordi

Mi
 Scendono gocce di sudore 
Sulla fronte di un lavoratore 
Fa#-
 E il mondo non può farne a meno 
Mi
 Almeno credo, almeno credo 
Fa#-                            Re
 Ma questa è la modernità 
La9
 Noi a casa, noi a casa 
                              Fa#-
 Un computer lavorerà 
       Re                      Mi
 Ora qui in questo meccanico mondo 
                                       Fa#-
 Non ho compreso qual è il posto che posso 
       Re
 che posso occupare 
La9
 Forse non posso più nemmeno respirare e poi 
Fa#-        Re
 E poi c'è lei 
La9
 Che ha bisogno di più 
Fa#-     Re       La Re
 E poi ci sei anche tu 
        Re
 Scendevano gocce di sudore 
Sulla fronte di un lavoratore 
                   La
 Tanto tempo fa 
Fa#-                           Re
 Ma questa è la modernità
Mi                                     Fa#-                        
 Noi a casa, voi a casa, il computer lavorerà 
       Re                     Mi
 Ora qui in questo meccanico mondo 
                                       Fa#-
 Non ho compreso qual è il posto che posso 
       Re
 che posso occupare 
Mi
 Forse non posso più nemmeno respirare e poi 
Fa#-        Re
 E poi c'è lei 
La9
 Che ha bisogno di più 
Fa#-     Re       La Re
 E poi ci sei anche tu 
Re
 Scendono gocce di sudore 
Sulla fronte di un lavoratore 
La
 E il mondo non può farne a meno 
Re                        Si-
 Almeno credo, almeno credo 
Si-                  Re
 Ma questa è la modernità 
Mi                                      Fa#-                        
 Noi a casa, voi a casa, il computer lavorerà 
       Re                     Mi
 Ora qui in questo meccanico mondo 
                                       Fa#-
 Non ho compreso qual è il posto che posso 
       Re
 che posso occupare 
Mi
 Forse non posso più nemmeno respirare e poi 
Fa#-        Re
 E poi c'è lei 
La9
 Che ha bisogno di più 
Fa#-     Re      La Re
 E poi ci sei anche tu 

Sanremo 2014 - Zibba - Senza di te











Il testo

Io che ho fin troppe parole
 E a volte resto in silenzio
 Adesso sono qui a scriverti
 chiedendo quasi perdono
 Per le cose che do per scontato
 e perché ci siamo scelti
 e che magari vorresti sentire
 ogni tanto da me
 
Mi piacerebbe giocare di più
 A volte lasciarmi andare
 ma mi riduco a un pensatore noioso e volgare
 Spesso nemico del tempo
 Specie se non ti ho accanto
 Stanotte dormi da sola
 Mi va a fuoco la gola
 
Credo in noi come se fossimo
 di un’altra generazione
 quella del bene sopra la ragione
 Quella che domenica andiamo a lago
 Che ho bisogno di svago
Senza di te
 Non amerei tutti i miei errori
 Senza di te
 Un mondo senza le canzoni
 Senza di te
 Non me lo voglio ricordare
 Stare lì a guardare
 Al buio non è affatto uguale
 
Senza di te
 Una finestra senza vetri
 Senza di te
 Un’estate senza il mare
 Senza di te
 Non mi ricordo come fare
 
Ti tocca il ruolo di amante neutrale
 Sei la tua parte migliore
 Quello che riesce ad uscire ogni giorno
 Da tutto quel tuo lavorare
 
Hai conosciuto il mio peggio
 E con il tuo mi hai fatto male
 Le cose semplici ai vigili urbani
 E a noi una città più reale
 
Ci scopriremo nel tempo
 Per poi coprirci con cura
 E costruiremo sbagliando
 
E forse non avrò paura
 E regalandoci vita
 Scambiando sangue e opinionI
 Vedremo i giorni fiorire
 negli occhi di un figlio
 che avrà i miei bottoni
 
Credo in noi come se fossimo
 di un’altra generazione
 quella del bene sopra la ragione
 Quella che aspetto anche tutta la vita
 Per vederti tornare dalla guerra mondiale
 
Senza di te
 Non amerei tutti i miei errori
 Senza di te
 E’ un mondo senza le canzoni
 Senza di te
 Non me lo voglio ricordare
 Stare lì a guardare
 Al buio non è affatto uguale
 
Senza di te
 Una finestra senza vetri
 Senza di te
 Un po un’estate senza il mare
 Senza di te
 Non mi ricordo come fare
 
Senza di te
 Non amerei tutti i miei errori
 Senza di te…

accordi

                         Do- 
 Io che ho fin troppe parole 
                        Sol- 
 E a volte resto in silenzio 
                        Sol# 
 Adesso sono qui a scriverti 
                     Do-
 chiedendo quasi perdono 
           Do- 
 Per le cose che do per scontato 
                 Sol- 
 e perché ci siamo scelti 
           Sol# 
 e che magari vorresti sentire 
               Do-
 ogni tanto da me 
                         Do- 
 Mi piacerebbe giocare di più 
                     Sol- 
 A volte lasciarmi andare 
                          Sol# 
 ma mi riduco a un pensatore 
                 Do-
 noioso e volgare 
                  Do- 
 Spesso nemico del tempo 
                       Sol- 
 Specie se non ti ho accanto 
                      Sol# 
 Stanotte dormi da sola 
                     Do-
 Mi va a fuoco la gola 
              Fa-
 Credo in noi come se fossimo 
         Sib 
 di un'altra generazione 
                   Do-
 Di quella del bene sopra la ragione 
                   Sib
 Quella che domenica andiamo a lago 
                     Sol#
 Che ho bisogno di svago 
Fa-
 Senza di te 
Sib
 Non amerei tutti i miei errori 
Sol-
 Senza di te 
Mib
 Un mondo senza le canzoni 
Fa-
 Senza di te 
Sol
 Non me lo voglio ricordare 
Do-
 Stare lì a guardare 
Do
 Al buio non è affatto uguale 
Fa-
 Senza di te 
Sib
 Una finestra senza vetri 
Sol-
 Senza di te 
Mib
 E' un pò un'estate senza il mare 
Fa-
 Senza di te 
Sol                 Do-
 Non mi ricordo come fare 
                               Do-
 Ti tocca il ruolo di amante neutrale 
                          Sol-
 Sei la tua parte migliore 
                                 Sol#
 Quello che riesce ad uscire ogni giorno 
                                Do-
 Da tutto quel tuo lavorare 
                                Do-
 Hai conosciuto il mio peggio 
                            Sol-
 E con il tuo mi hai fatto male 
                         Sol#
 Le cose semplici ai vigili urbani 
                               Do-
 E a noi una città più reale 
                           Do-
 Ci scopriremo nel tempo 
                       Sol-
 Per poi coprirci con cura 
                      Sol#
 E costruiremo sbagliando 
                      Do-
 E forse non avrò paura 
                      Do-
 E regalandoci vita 
                       Sol-
 Scambiando sangue e opinioni 
                      Sol#
 Vedremo i giorni fiorire 
negli occhi di un figlio 
               Do-
 che avrà i miei bottoni 
              Fa-
 Credo in noi come se fossimo 
         Sib 
 di un'altra generazione 
                   Do-
 Di quella del bene sopra la ragione 
                   Sib
 di quella che aspetto anche tutta la vita 
                    Sol#
 Per vederti tornare dalla guerra mondiale 
Fa-
 Senza di te 
Sib
 Non amerei tutti i miei errori 
Sol-
 Senza di te 
Mib
 Un mondo senza le canzoni 
Fa-
 Senza di te 
Sol
 Non me lo voglio ricordare 
Do-
 Stare lì a guardare 
Do
 Al buio non è affatto uguale 
Fa-
 Senza di te 
Sib
 Una finestra senza vetri 
Sol-
 Senza di te 
Mib
 E' un pò un'estate senza il mare
 Fa-
 Senza di te 
Sol                 Do- Do
 Non mi ricordo come fare 

Fa-            Sib
 Senza di te 
Sol-          Mib
 Senza di te 
Fa- 
 Senza di te 
Sol                    Do-
 non mi ricordo come fare 
Mib                 Sol#          
non mi ricordo come fare 
Sib                 Do-
 non mi ricordo come fare 
Mib                 Sol#
 non mi ricordo come fare 

Sanremo 2014 - Veronica De Simone - Nuvole che passano











IL testo

Ricordati novembre
 Quando hai stretto la mia mano
 Ero impaurita e pallida
 Poi non me l’aspettavo
 Che nel momento esatto
 In cui credevo di affogare
 Fossi proprio tu, tu che mi vuoi salvare
 
Autunno, grigio autunno
 Un cielo gonfio che non piove
 Non so perché mi abbracci
 So soltanto che volevi
 Poi mi accarezzi gli occhi
 E io smetto di tremare
 Piove finalmente
 Che non si può fermare
 
Sono solo attimi
 Stelle che poi cadono
 Stagioni che si inseguono
 Tra nuvole che passano
 
Inverno sotto il freddo
 Rosso sangue sulla neve
 Domani parto ancora
 E ho solo voglia di morire
 Mi chiedi tutto bene, Sei arrivata?
 Poi mi dici Io ci sono, io ti aspetto
 Noi due siamo amici
 
Gennaio disperato
 La tua luce sempre accesa
 Nel buio rotolando
 Fino in fondo alla discesa
 Se cado cento volte mi raccogli e non ti stanchi
 Il sole quando ancora io mi sento niente
 
Sono solo attimi
 Stelle che poi cadono
 Stagioni che si inseguono
 Tra nuvole che passano
 
Ricorda maggio
 quando l’hai chiamato col suo nome
 Che amore è solo amore non esiste altro nome
 Per dire tutto questo bene che non so spiegare
 Per dire tutto questo che ci scoppia dentro il cuore
 
Primavera lilla
 Ubriaca in mezzo ai tigli
 Vivremo in una casa bianca, avremo cento figli
 Felicità non è che una parola, non è niente
 E’ camminare scalzi confusi tra la gente
 
Sono solo attimi
 Stelle che poi cadono
 Stagioni che si inseguono
 Tra nuvole che passano
 
Estate blu di notte che mi vieni incontro piano
 Gli occhi dentro gli occhi, mi sorridi, ti aspettavo
 E pelle sulla pelle
 Il tuo profumo nel mattino
 Ti guardo mentre dormi, amore mio vicino
 
Ricordati di agosto e di ogni stella che è passata
 Fra i tuoi capelli scuri sopra i nostri corpi uniti
 Cammini sulla sabbia
 E io ti guardo da lontano
 Mentre il pomeriggio muore
 Nel volo di un gabbiano
 
Na-na-na-na-na-na
 
E Sono solo attimi
 Stelle che poi cadono
 Stagioni che si inseguono
 Tra nuvole che passano

accordi

Sib Mib Sib Mib

Sib
 Ricordati novembre 
                         Mib
 Quando hai stretto la mia mano 
Sib
 Ero impaurita e pallida 
                          Mib
 Poi non me l'aspettavo 
       Re-
 Che nel momento esatto 
           Mib
 In cui credevo di affogare 
Sol-                   Do-
 Fossi proprio tu, tu che mi vuoi salvare 
Sib
 Autunno, grigio autunno 
                         Mib
 Un cielo gonfio che non piove 
      Sib
 Non so perché mi abbracci 
                    Mib
 So soltanto che volevi 
      Re-
 Poi mi accarezzi gli occhi 
Mib
 E io smetto di tremare 
Sol-
 Piove finalmente 
       Do-
 Che non si può fermare 
Mib          Sib
 Sono solo attimi 
Re                Sol
 Stelle che poi cadono 
                        Do       
Stagioni che si inseguono 
                       Fa
 Tra nuvole che passano 
Sib
 Inverno sotto il freddo 
                  Mib
 Rosso sangue sulla neve 
Sib
 Domani parto ancora 
                      Mib
 E ho solo voglia di morire 
Re-                                Mib
 Mi chiedi tutto bene, Sei arrivata? 
                Sol-
 Poi mi dici Io ci sono, io ti aspetto 
Do-
 Noi due siamo amici 
Sib
 Gennaio disperato 
                              Mib
 La tua luce sempre accesa 
      Sib
 Nel buio rotolando 
                            Mib
 Fino in fondo alla discesa 
    Re-                             Mib
 Se cado cento volte mi raccogli e non ti stanchi 
    Sol-                              Do-
 risollevarmi quando ancora io mi sento niente 
Mib          Sib
 Sono solo attimi 
Re                Sol-
 Stelle che poi cadono 
                        Do       
Stagioni che si inseguono 
                       Fa
 Tra nuvole che passano 
Do                                           Fa
 Ricorda maggio quando l'hai chiamato col suo nome 
Do                                         Fa
 Che amore è solo amore non esiste altro nome 
     Mi-                                     Fa
 Per dire tutto questo bene che non so spiegare 
       La-                            Re-
 Per dire tutto questo che ci scoppia dentro il cuore 
Do                                   Fa
 Primavera lilla ubriaca in mezzo ai tigli 
Do                                       Fa
 Vivremo in una casa bianca, avremo cento figli 
   Mi-                                   Fa
 Felicità non è che una parola, non è niente 
       La-                      Re-
 E' camminare scalzi confusi tra la gente 
Fa           Do
 Sono solo attimi 
Mi                La-
 Stelle che poi cadono 
                        Re       
Stagioni che si inseguono 
                       Sol
 Tra nuvole che passano 

Fa Do Mi La- Re
 
Do                                         Fa
 Estate blu di notte che mi vieni incontro piano 
Do                                              Fa
 Gli occhi dentro gli occhi, mi sorridi, ti aspettavo 
    Mi-                                   Fa
 E pelle sulla pelle il tuo profumo nel mattino 
       La-                         Re-
 Ti guardo mentre dormi, amore mio vicino 
Re                                              Sol
 Ricordati di agosto e di ogni stella che è passata 
Re                                             Sol
 Fra i tuoi capelli scuri sopra i nostri corpi uniti 
      Fa#-                            Sol
 Cammini sulla sabbia e io ti guardo da lontano 
  Si-                                        Mi-
 Mentre il pomeriggio muore nel volo di un gabbiano
 
Sol Re Fa# Si- Mi
 (Na-na-na-na-na-na) 

Sol           Re
 Sono solo attimi 
Fa#               Si-
 Stelle che poi cadono 
                        Mi       
Stagioni che si inseguono 
                       La
 Tra nuvole che passano 
Re

Sanremo 2014 - The Niro - 1969











IL testo

Immobili
sguardi all’insù
Brividi
Atterrerà sfruttando quella gravità
che schiaccia il mondo
e rende distanti
Noi siamo distanti
 oggi no 
Trasmettono
Radio e tv
Dicono
che cambierà
l’umanità
Rinascerà la conquista
della verità
 
Illumina gli sguardi
Gli ultimi istanti
Volerà
Piangono i giganti, sognatori, maghi e i preti
Gli ultimi istanti
 
Stati Uniti mai più
Stati Uniti mai più
Così Uniti mai più
 
Trasmettono
Atterrerà sfruttando
le emozioni
gli artifici
le illusioni
 
Stati Uniti mai più
Stati Uniti mai più
Così Uniti mai più

accordi

La Si- Fa#- Re La Si- Fa#- Re 
 
La Si-  Fa#-
 Immobili, 
Re                La 
 Sguardi all'insù 
Si-      Fa#-
 Brividi, 
Re      La                            Si-
 Atterrerà sfruttando quella gravità che schiaccia il mondo 
                Fa#-
 e rende distanti 
                  Re
 Noi siamo distanti 
Re-
 oggi no 

La Si- Fa#- Re La Si- Fa#- Re
 
La     Si-     Fa#-
 Trasmettono 
Re        La 
 Radio e tv 
Si-      Fa#- 
 Dicono 
Re            La
 che cambierà 
     Si-  Fa#-
 l'umanità 
Re      La Si-       Fa#-
 Rinascerà la conquista 
     Re    La
 della verità 
  Si-             Fa#-
 Illumina gli sguardi 
               Re
 Gli ultimi istanti 
Re-
 Vola Raid 
La                      Si-
 Piangono i giganti, sognatori, 
                              Fa#-  Re
 maghi e i preti per gli ultimi istanti 
Re      La       Si- 
 Stati Uniti mai più 
           Fa#-       Re La Si-
 Stati Uniti mai più 
                   La
 Così Uniti mai più 

La Si- Fa#- Re La Si- Fa#- Re

La    Si-  Fa#- Re La    Si-  Fa#- Re
 Trasmettono 
   La-
 Atterrerà sfruttando 
            Si-
 le emozioni 
gli artifici 
         Do
 le illusioni 
Do Re 

 La Si- Fa#- Re La Si- Fa#- Re 

La Si-

Re      La       Si- 
 Stati Uniti mai più 
            Fa#-     Re La Si-
 Stati Uniti mai più 
            La Si- Fa#- Re La Si- Fa#- Re 
 Così Uniti mai più 
La

Sanremo 2014 - Rocco Hunt - Nu juorno buono
Vincitore nuove proposte











Nu journo buono  - midi karaoke 

IL testo

Questa mattina per fortuna c’è un’aria diversa
 Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra
 Quant’è bella la mia terra
 Mi manca quando parto
 Porto una cartolina di riserva
 Questo posto non deve morire
 La mia gente non deve partire
 Il mio accento si deve sentire
 La strage dei rifiuti
 L’aumento dei tumori
 Siamo la terra del sole
 Non la terra dei fuochi
 Questa mattina per fortuna la storia è cambiata
 Vedo la gente che sorride spensierata
 Non esiste cattiveria
 E si sta bene in strada
 Il mondo si è fermato in questa splendida giornata
 
E’ nu juorno buono
 stammatin m’a scetat o sol
 l’addor do’ cafè
 o stereo pe’ canzon
 a quantu tiemp ca nun stev accussì
 ogni cosa accumenc’ pkè po addà frni’
 Ma nun me manc nient
 stamattin nu me manc nient
 abbraccio a Gabriellin
 s’addorm n’gopp o piett
 nun sap re' problem
 nun sap e chist' schiem
 nun sap ca a vita da o dolce e po t’avvelen
 Nu bacio a mamma mij
 già ha furnut e fà e servizj
 a principess rint a miseria
 ha mis o munn a stu scugnizz
 m'ha mbarat' a piccolin
 ca nu suonn se realizz
 te cancellass tutte e rughe e tutt e cose trist

Dimentica di andare fuori per lavoro
 Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio
 Dimentica le banche, le presteremo noi a loro
 Zero padroni, gli ruberemo il trono
 Non c’è la fila allo sportello (e comm'è!)
 Se tifi un’altra squadra sei lo stesso mio fratello
 Fate l'amore invece di impugnare quel coltello
 La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello
 Tagliate quella linea che divide nord e sud
 Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c’è più
 E' un giorno nuovo anche per loro
 E son sicuro che un sorriso l’ho strappato
 Pure a voi lassù!
 
E’ nu juorno buono
 stammatin m’a scetat o sol
 l’addor do’ cafè
 o stereo ppe’ canzon
 a quantu tiemp ca nun stev accussì
 ogni cosa accumenc’ pkè po addà frni’
 Ma nun me manc nient
 stamattin nu me manc nient
 abbraccio a Gabriellin
 s’addorm n’gopp o piett
 nun sap re' problem
 nun sap e chist' schiem
 nun sap ca a vita da o dolce e po t’avvelen
 
E’ nu juorno buono...
 E’ nu juorno buono...
 E’ nu juorno buono...
 E’ nu juorno buono...
 
E’ nu juorno buono
 stammatin m’a scetat o sol
 l’addor do’ cafè
 o stereo ppe’ canzon
 a quantu tiemp ca nun stev accussì
 ogni cosa accumenc’ pkè po addà frni’
 Ma nun me manc nient
 stamattin nu me manc nient
 abbraccio a Gabriellin
 s’addorm n’gopp o piett
 nun sap re' problem
 nun sap e chist' schiem
 nun sap ca a vita da o dolce e po t’avvelen
 
E’ nu juorno buono...
 Questo posto non deve morire
 E’ nu juorno buono...
 La mia gente non deve partire
 E’ nu juorno buono...
 Il mio accento si deve sentire
 E’ nu juorno buono...

accordi

La- Mi- La- Mi-
  
La- 
 Questa mattina per fortuna c'è un'aria diversa 
Mi-
 Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra 
La-
 Quant'è bella la mia terra 
                           Mi-
 Mi manca quando parto 
Porto una cartolina di riserva 
            La-
 Questo posto non deve morire 
                          Mi-
 La mia gente non deve partire 
Il mio accento si deve sentire 
La-
 La strage dei rifiuti 
L'aumento dei tumori 
Mi-
 Siamo la terra del sole 
Non la terra dei fuochi 
La-
 Questa mattina per fortuna la storia è cambiata 
Mi-
 Vedo la gente che sorride spensierata 
         La-
 Non esiste cattiveria 
Si sta bene in strada 
    Mi-
 Il mondo si è fermato 
In questa splendida giornata 
         La-
 E' nu juorno buono 
stammatina m'a scettat' o' sol 
Mi-
 l'addore ro' cafè 
o' stereo ppe' canzone 
La-
 da quanto tiemp' cca nun stev' accussì 
       Mi-
 ogni cosa accumenc' pecchè m'addà finì 
                  La-
 ma nun me manca nient' 
stamattin nu me manca nient 
Mi-
 abbraccia a' Gabriellin 
s'addorm n'copp o' liett' 
La-
 nun sap' e' prublem 
nun sap'che sti schem 
Mi-
 nun sape che a vita ro dolce e poi t'avvelen 
La-
 nu bac' a' mamma mij 
a' già furnut e' fà e serviz' 
    Mi-
 a' principess rint' a miseria 
ha mis o' munn stu scugnizz 
La-
 m'ha mparat' a piccolin 
ca' nu suonn' se realizz' 
Mi-
 te cancellass' tutte e' rughe 
e tutte e cose trist' 
La-
 Dimentica di andare fuori per lavoro 
Mi-
 Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio 
La-
 Dimentica le banche, li presteremo noi a loro 
Mi-
 Zero padrone, gli ruberemo il trono 
       La-
 Non c'è la fila allo sportello (e comm'è) 
                                  Mi-
 È come se tifi un'altra squadra 
Sei lo stesso mio fratello, Fate l'amore 
La-
 Invece di impugnare quel coltello 
                     Mi-
 La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello 
   La-
 Tagliate quella linea che divide nord e sud 
Mi-
 Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c'è più 
La-
 E' un giorno nuovo anche per loro 
                    Mi-
 E son sicuro che un sorriso l'ho strappato 
Pure a voi lassù 
         La-
 E' nu juorno buono 
stammatina m'a scettat' o' sol 
Mi-
 l'addore ro' cafè 
o' stereo ppe' canzone 
La-
 da quanto tiemp' cca nun stev' accussì 
       Mi-
 ogni cosa accumenc' pecchè m'addà finì 
                  La-
 ma nun me manca nient' 
stamattin nu me manca nient 
Mi-
 abbraccia a' Gabriellin 
s'addorm n'copp o' liett' 
La-
 nun sap' e' prublem 
nun sap'che sti schem 
Mi-
 nun sape che a vita ro dolce e poi t'avvelen 
         La-
 E' nu juorno buono 
         Mi-
 E' nu juorno buono 
         La-
 E' nu juorno buono 
         Mi-
 E' nu juorno buono 
         La-
 E' nu juorno buono 
stammatina m'a scettat' o' sol 
Mi-
 l'addore ro' cafè 
o' stereo ppe' canzone 
La-
 da quanto tiemp' cca nun stev' accussì 
       Mi-
 ogni cosa accumenc' pecchè m'addà finì 
                  La-
 ma nun me manca nient' 
stamattin nu me manca nient 
Mi-
 abbraccia a' Gabriellin 
s'addorm n'copp o' liett' 
La-
 nun sap' e' prublem 
nun sap'che sti schem 
Mi-
 nun sape che a vita ro dolce e poi t'avvelen 
           La-
 (E' nu juorno buono) Questo posto non deve morire 
           Mi-
 (E' nu juorno buono) La mia gente non deve partire 
           La-
 (E' nu juorno buono) Il mio accento si deve sentire 
           Mi-
 (E' nu juorno buono) 
           La-
 (E' nu juorno buono) a mio zio che si sceta a matina 
           Mi-
 (E' nu juorno buono) a gennar ca avvuto o criaturo 
           La-
 (E' nu juorno buono) a pisciaiuoli ai fruttaioli 
           Mi-
 (E' nu juorno buono) pe tutta a gent ro rione 
           La-
 E' nu juorno buono 


sanremo 2014 - Filippo - Le cose belle











Il testo

Io non mi devo giustificare
 Se non mi voglio accontentare
 Di farmi fare i conti in tasca
 E diventare carne da statistica
 
Se le promesse che ci hanno fatto
 Ci hanno fatto rimanere sotto
 Sono disilluso so cosa fare
 Sono un pirata e voglio navigare
 
E chi lo dice che non sia normale
 fare una vita irregolare
 Poche certezze ed un sogno in testa
 E’ l’unica cosa che ci resta
 
E chi lo dice che devo cambiare
 E che a trent’anni devo maturare
 L’unica lezione che devo imparare
 A volte anche le cose belle fanno male
 
La mia generazione a spasso
 Come lupi sul Gran Sasso
 E c’è chi si arrende
 Sempre più spesso
 Alle bastonate passo dopo passo
 
Cresciuti dalla televisione
 Che ci ha insegnato a consumare
 Cosa che servono esattamente
 Come una doccia in mezzo al mare
 
E chi lo dice che non sia normale
 fare una vita irregolare
 Poche certezze ed un sogno in testa
 E’ l’unica cosa che ci resta
 
E chi lo dice che devo cambiare
 E che a trent’anni devo maturare
 L’unica lezione che devo imparare
 A volte anche le cose belle fanno male
 A volte anche le cose belle fanno male
 
(ritornello, coro)
 Svegliati fratello se non sai capire
 Che a volte anche le cose benne fanno male
 
E chi lo dice che non sia normale
 fare una vita irregolare
 Poche certezze ed un sogno in testa
 E’ l’unica cosa che ci resta
 
E chi lo dice che devo cambiare
 E che a trent’anni devo maturare
 L’unica lezione che devo imparare
 Svegliati fratello se non sai capire che
 A volte anche le cose belle fanno male
 A volte anche le cose belle fanno male
 A volte anche le cose belle fanno male
 A volte anche le cose belle fanno male

accordi

Re Fa#- La Sol

Re 
 Io non mi devo giustificare 
Fa#- 
 Se non mi voglio accontentare 
La 
 Di farmi fare i conti in tasca 
Sol
 E diventare carne da statistica 
Re 
 Se le promesse che ci hanno fatto 
Fa#- 
 Ci hanno fatto rimanere sotto 
La 
 Sono disilluso so cosa fare 
Sol
 Sono un pirata e voglio navigare 
Re 
 E chi lo dice che non sia normale 
Fa#- 
 fare una vita irregolare 
La 
 Poche certezze ed un sogno in testa 
Sol
 E' l'unica cosa che ci resta 
Re 
 E chi lo dice che devo cambiare 
Fa#- 
 E che a trent'anni devo maturare 
La 
 L'unica lezione che devo imparare 
    Sol
 A volte anche le cose belle fanno male 

Re Sol- Re Sol-
 
Re 
 La mia generazione a spasso 
Fa#- 
 Come lupi sul Gran Sasso 
    La 
 E c'è chi si arrende sempre più spesso 
Sol-
 Alle bastonate passo dopo passo 
Re 
 Cresciuti dalla televisione 
Fa#- 
 Che ci ha insegnato a consumare 
La 
 Cosa che servono esattamente 
Sol
 Come una goccia in mezzo al mare 
Re 
 E chi lo dice che non sia normale 
Fa#- 
 fare una vita irregolare 
La 
 Poche certezze ed un sogno in testa 
Sol
 E' l'unica cosa che ci resta 
Re 
 E chi lo dice che devo cambiare 
Fa#- 
 E che a trent'anni devo maturare 
La 
 L'unica lezione che devo imparare 
    Sol
 A volte anche le cose belle fanno male 
    Sol-
 A volte anche le cose belle fanno male
 
Re Fa#- La Sol    Re Fa#- La Sol

Re 
 E chi lo dice che non sia normale 
Fa#- 
 fare una vita irregolare 
La 
 Poche certezze ed un sogno in testa 
Sol
 E' l'unica cosa che ci resta 
Re 
 E chi lo dice che devo cambiare 
Fa#- 
 E che a trent'anni devo maturare 
La 
 Svegliati fratello se non sai capire 
         Sol
 che a volte anche le cose belle fanno male 
    Sol-
 A volte anche le cose belle fanno male 
    Sol-
 A volte anche le cose belle fanno male 
    Sol-
 A volte anche le cose belle fanno male 
Re